12 Dicembre 2019
[]

news
percorso: Home > news > News Generiche

Ristampa Dopo il diluvio: sommario dell´Italia contemporanea/ a cura di Salvatore Silvano Nigro; edizione originale a cura di Dino Terra - Palermo: Sellerio 2014 (La diagonale; 133)

10-04-2014 09:59 - News Generiche
Ci vollero due anni di preparazione perché questo "ragguaglio dell´Italia dopo i disastri della guerra" potesse arrivare in libreria nel mese di giugno 1947. L´opera è un atlante politico, un censimento e un compendio di problemi e questioni, un "ritratto dell´Italia": una ricomposizione enciclopedica della Nazione; uno specchio di fronte al quale il paese venne messo per prendere coscienza delle rovine e darsi un nuovo "peso specifico morale e mentale", come aveva esortato a fare Alberto Savinio in quel trattatello politico del 1945, Sorte dell´Europa, che è l´antecedente e il presupposto di Dopo il diluvio. L´organizzatore dell´impresa, Dino Terra, raccolse attorno a sé una libera "Società di letterati": trenta collaboratori, "dilettanti" per elezione (alla Savinio), tutti in grado di far aderire la letteratura alla vita con "libertà mentale" e con "leggerezza" saggistico-narrativa; fra essi Moravia, Piovene, Carlo Levi, Soldati, Savinio, Ungaretti, Noventa, Palazzeschi, Emilio Cecchi, Zavattini, Bernari, Bigiaretti. Dopo una "diseducazione ventennale", e le violenza della guerra, i contributi affrontavano, con lucidità politica, per lo più, e chiaroveggenza, questioni che sono fondamentali in un paese civile: il paesaggio come bene culturale, da salvaguardare insieme a tutte le risorse artistiche; la politicità dell´urbanistica e dei piani regolatori, che sono "insieme un´opera di critica storica, di previsione politica, di creazione sociale e di critica artistica"; la libertà della stampa e la responsabilità della comunicazione; i rapporti tra le classi sociali, tra artigianato e industria, tra campagna e città, tra Stato e Chiesa, tra autonomie regionali e centralizzazione; e poi i partiti politici, la letteratura e i letterati, la musica, gli spettacoli, lo sport. Si era "dopo il diluvio". Ma Noventa continua a chiedersi se l´Italia fosse davvero uscita dal cataclisma, o se non si trattasse piuttosto di un "istante di calma" prima di altri "diluvi": di nuove "preghiere" e di nuove "bestemmie".
Questa nuova edizione di Dopo il diluvio comprende, in appendice, una recensione scritta a caldo da Raffaello Ramat nel 1947, e un saggio di Guido Crainz.

[Realizzazione siti web www.sitoper.it]